Sections
29 November 2021

Jaeger-LeCoultre: Reverso Hybris Mechanica Calibre 185

Jaeger Le-Coultre celebra il Reverso, presentando il segnatempo più complicato mai creato di questa collezione. Il Reverso Hybris Mechanica Quadriptyque Calibro 185 è il risultato di oltre sei anni di sviluppo, che hanno permesso di associare nuove, innovative indicazioni astronomiche alle competenze chiave del savoir-faire di Jaeger-LeCoultre. Il primo orologio da polso al mondo con quattro quadranti funzionanti. Incorporando tre visualizzazioni relative alle indicazioni lunari sul quadrante interno della parte centrale dell’iconico Reverso (il ciclo sinodico, il ciclo draconico e il ciclo anomalistico), l’Hybris Mechanica Quadriptyque è in grado di prevedere la cadenza dei prossimi eventi astronomici mondiali, come Superluna ed eclissi. Si tratta del primo orologio da polso al mondo capace di offrire una lettura così dettagliata del cosmo.

Sin dalla nascita degli orologi personali, la volontà di costruire segnatempo sempre più complicati è vincolata al volume e allo spazio di cui l’orologiaio dispone. Un orologio con molteplici complicazioni è inutile se non è indossabile e se queste indicazioni non sono leggibili e non hanno una visualizzazione chiara. Grazie alle possibilità che offre il design unico dell’iconico Reverso, Jaeger-LeCoultre ha realizzato una prima mondiale: una cassa con due volti alimentata dal Calibro di manifattura 185 e una parte centrale con due volti, le cui indicazioni sono sincronizzate e aggiornate dal movimento principale ogni giorno allo scoccare della mezzanotte, grazie a un ingegnoso sistema brevettato di Jaeger- LeCoultre

L’UNIVERSO A PORTATA DI MANO

La storia di Jaeger-LeCoultre è ancorata alla ricerca e alla conquista della precisione. Una delle prime invenzioni del fondatore Antoine LeCoultre fu il milionometro, il primo strumento in grado di misurare il micron. Oggi, Jaeger-LeCoultre è pioniere nella creazione di eccezionali interpretazioni del tourbillon, un meccanismo progettato per ottimizzare le prestazioni cronometriche degli orologi. Il Reverso Hybris Mechanica Gyrotourbillon 2 (2008) lasciò a bocca aperta il pubblico e si aggiudicò riconoscimenti per l’eccellenza cronometrica grazie al bilanciere girevole multi-asse, mentre il Reverso Hybris Mechanica à Triptyque (2006) rimane un esemplare unico per l’impiego del tourbillon con uno scappamento isometrico ellittico di elevata precisione. 

Reverso Hybris Mechanica Calibre 185

Naturalmente il tourbillon non poteva non essere uno dei protagonisti principali del nuovo Reverso Hybris Mechanica Quadriptyque Calibro 185A ore 7 sul primo quadrante della cassa, il tourbillon volante effettua una rotazione al minuto, variando continuamente la posizione del bilanciere per ottenere un’unica misura corretta del tempo medio. 

Il bilanciere è il cuore di ogni movimento orologiero, nonché la chiave per la nostra misurazione del tempo. Battendo con una cadenza regolare di 4 Hz (28 800 alternanze/ora), ogni otto battiti segna il passaggio di un secondo. Il primo quadrante della cassa del Reverso Quadriptyque, mostra le indicazioni di un calendario perpetuo con indicazioni istantanee attivate allo scoccare della mezzanotte. Inoltre, la complessa costruzione del Calibro 185 ha richiesto il posizionamento della data a ore 5 sul quadrante

SUONI CELESTIALI

Il secondo volto della cassa del Quadriptyque è un tour de force di virtuosismo che omaggia il patrimonio di Jaeger- LeCoultre in qualità di maestro e innovatore degli orologi con suoneria

Reverso Hybris Mechanica Calibre 185

Mediante lo scorrimento della slitta situata appena sopra la corona, il Reverso Quadriptyque intona la sua melodia. Prima una serie di note basse, correlate al numero di ore. Poi un distico alternato di note alte e basse, corrispondenti ai quarti d’ora. E per concludere la melodia, una successione di note alte, che indicano il numero di minuti da aggiungere ai quarti dora trascorsi. Insieme, la suoneria ore – quarti – minuti riproduce l’ora corrente in codice musicale. Le incredibili meraviglie del Reverso Quadriptyque sono in bella vista a fianco a una seconda visualizzazione del tempo, che indica lo stesso orario del primo quadrante, ma in formato saltante per le ore e a scatto per i minuti. Quando il Reverso Quadriptyque suona l’ora, mettendo in moto una sinfonia di molle, camme, martelli e gong, il loro messaggio acustico conferma la visualizzazione del quadrante secondario. 

Attraverso le aperture sulla platina del movimento decorata a mano con il motivo guillochage noto come Clous de Paris, si ammirano gli elementi del meccanismo dei rintocchi. Tra questi, il regolare silenzioso dei rintocchi brevettato dalla Manifattura nel 1895 per eliminare il ronzio del precedente sistema ad ancora. Tra le innovazioni più recenti presenti nel Reverso Quadriptyque troviamo i gong in cristallo che fissano i gong delle ripetizioni direttamente al vetro zaffiro per sfruttare le proprietà acustiche del materiale, il profilo con sezione trasversale quadrata dei gong stessi che amplifica al massimo la superficie di contatto e la trasmissione dell’energia tra i martelli e i gong e i martelli trébuchet articolati che colpendo i gong emettono un suono pulito e potente. Nel complesso, queste innovazioni consentono a Jaeger-LeCoultre di realizzare orologi da polso con ripetizioni minuti dai suoni più forti e chiari disponibili sul mercato.  

SCOPRENDO L’ORBITA

Uno dei segni distintivi di Jaeger-LeCoultre è la visualizzazione del tempo siderale, determinato in riferimento alle stelle invece che al Sole, introdotta per la prima volta nel Master Grande Tradition Grande Complication (2010). 

Quest’anno, per la prima volta nella storia dell’orologeria meccanica, Jaeger-LeCoultre riunisce tre indicazioni lunari: il ciclo sinodico, il ciclo draconico e il ciclo anomalistico in un solo orologio da polso. Questa combinazione micromeccanica di indicazioni unica, visibile sul volto interno della parte centrale del Reverso Hybris Mechanica Quadriptyque, consente di determinare eventi come le ellissi (sia solari che lunari), nonché rari fenomeni lunari come le Superlune

Reverso Hybris Mechanica Calibre 185

Sulla metà superiore del volto interno della parte centrale del Reverso Quadriptyque svetta un’imponente rappresentazione delle fasi lunari nell’emisfero settentrionale. Un disco mobile in lacca blu con decorazioni con paillette dorate copre e svela progressivamente una Luna incisa al laser, per indicare l’età della Luna nel ciclo sinodico. Mentre le visualizzazioni convenzionali delle fasi lunari accumulano un giorno di errore dopo 32,5 mesi, quella del Reverso Quadriptyque deve essere corretta una volta sola dopo 1111 anni

Appena sotto alle fasi lunari, sulla sinistra, spicca un contatore con un Sole in oro rosa micro-scolpito in 3D attorno al quale orbita una piccola Luna emisferica. Il contatore mostra il ciclo draconico, che precisa quando il percorso della Luna incrocia l’orbita della Terra attorno al Sole. Tale intersezione avviene due volte in ogni ciclo ed è indicata dall’allineamento orizzontale sul contatore della Luna e del Sole. In questo momento, la Luna, la Terra e il Sole sono tutti sullo stesso piano; tuttavia, possono non essere allineati. Affinché si allineino, dando vita a un fenomeno noto come sizigia, un’ulteriore condizione deve essere soddisfatta: la Luna deve trovarsi nella fase nuova o piena. Quando ciò accade, sulla Terra si verifica un fenomeno di eclissi, lunare se la Luna è piena, o solare se la Luna è nuova. Tuttavia, l’effettiva visibilità dell’eclissi dipende da vari fattori, come la posizione geografica dell’osservatore. 

A destra del contatore del ciclo draconico si staglia una rappresentazione a cupola della Terra, realizzata in smalto con la tecnica della micropittura, con una Luna emisferica che disegna attorno ad essa un’orbita eccentrica. Questo contatore rappresenta il ciclo anomalistico, che mostra la distanza variabile tra la Terra e la Luna. All’apogeo, la Luna è nel punto più lontano dalla Terra ed è più vicina al suo perigeo. Quando la Luna è piena, vicina o al perigeo, si verifica un fenomeno noto come Superluna, in cui il corpo celeste può apparire fino al 14% più grande della norma. 

La visualizzazione del ciclo sinodico, draconico e anomalistico in un unico segnatempo da polso è una prima assoluta nel settore orologiero. Le ultime due indicazioni sono inoltre protette da un brevetto, rendendo il Reverso Hybris Mechanica Quadriptyque il solo segnatempo in grado di fornire informazioni sui fenomeni astronomici con un tale livello di completezza. 

L’ALTRO LATO DELL’UNIVERSO

Il Reverso è nato nel 1931, dall’esigenza di proteggere delicati meccanismi orologieri dai colpi di zoccoli e mazze del rituale delle partite di polo. Oggi, 90 anni dopo, nel Reverso Hybris Mechanica Quadriptyque troviamo un rituale molto più antico, che guida i nostri ritmi calendariali secondo regole precise e strutturate come quelle di questo sport equestre reale. 

Il Reverso originale aveva un unico volto per le indicazioni temporali, con cassa mobile ribaltabile all’interno della parte centrale, che celava un fondello massiccio. La generazione successiva di segnatempo Reverso venne dotata di un altro quadrante sul fondello, disponibile con un design diverso per assecondare le preferenze estetiche del proprietario (Duetto) o con la visualizzazione di un secondo fuso orario (Duoface) per una maggiore funzionalità in viaggio. Il Reverso Hybris Mechanica à Triptyque (2006) costituì un passo evolutivo chiave nell’innovazione orologiera, grazie alla terza visualizzazione posizionata sul volto interno della parte centrale del Reverso. 

Quest’anno, il primo orologio da polso al mondo con quattro volti fa il proprio debutto con il nome di Reverso Hybris Mechanica QuadriptyqueL’ultimo volto di questo segnatempo, quello esterno della parte centrale, presenta una raffigurazione delle fasi lunari nell’emisfero meridionale. La maggior parte delle indicazioni delle fasi lunari offrono la prospettiva dell’emisfero settentrionale, mentre il Reverso Quadriptyque permette di visualizzare le fasi lunari dell’emisfero meridionale sul quarto volto. Realizzate nell’Atelier des Métiers Rares di Jaeger-LeCoultre, una carta del cielo stellato, incisa e laccata in palette di sfumature blu fa da sfondo alla Luna in oro rosa. 

Reverso Hybris Mechanica Calibre 185

Il segreto dei quattro volti funzionanti del Reverso Hybris Mechanica Quadriptyque è racchiuso in una soluzione utilizzata per la prima nel Reverso Hybris Mechanica Grande Complication à Triptyque del 2006. Ogni giorno a mezzanotte, un perno fuoriesce dal movimento principale della cassa per attivare un correttore meccanico nella parte centrale, il quale fa avanzare le visualizzazioni della parte centrale. Il meccanismo che aziona queste indicazioni è direttamente inserito nella parte centrale stessa, senza ulteriori platine che aumenterebbero lo spessore dell’orologio

LA CHIAVE DELL’INFINITO

Il Jaeger-LeCoultre Reverso Hybris Mechanica Quadriptyque Calibro 185 è custodito in un eccezionale cofanetto di presentazione con meccanismo interno che permette al proprietario di impostare tutte le indicazioni del calendario e astronomiche del segnatempo in maniera rapida e intuitiva, dopo un periodo in cui non è stato indossato. 

Reverso Hybris Mechanica Calibre 185

A lato del cofanetto, la corona a due posizioni serve a impostare inizialmente il numero di giorni trascorsi dall’ultima volta in cui l’orologio è stato portato. Regolando il segnatempo all’interno del telaio di supporto del meccanismo di correzione, la corona di correzione del cofanetto può essere portata in seconda posizione e caricata in moda da far avanzare rapidamente l’orologio alla data attuale per tutte le indicazioni del calendario e astronomiche. Il rischio di correggere eccessivamente l’orologio o danneggiarne il movimento è nullo, poiché l’intero procedimento è controllato mediante il meccanismo di correzione del cofanetto. 

Il nuovo Jaeger-LeCoultre Reverso Hybris Mechanica Quadriptyque Calibro 185 in oro bianco è abbinato ad un cinturino in pelle di alligatore blu e disponibile in serie limitata a soli 10 esemplari.