Sections
28 febbraio 2024

A Vicenzaoro sempre più orologi e sempre più WATCH INSANITY

È arrivata la nuova edizione di Vicenzaoro – dal 20 gennaio – che vede la partnership sempre più intensa di WATCH INSANITY. Ne siamo contenti perché la manifestazione vicentina, fiore all’occhiello di Italian Exhibition Group, si conferma come la più completa e trasversale in Italia per quanto riguarda l’orologeria in tutta la sua variegata filiera, comprendendo sia il meglio del vintage che una importante selezione di marchi contemporanei, che la somma di questi interessi nell’attiva interazione con la community italiana degli appassionati con eventi ad hoc, capitanati da Bruno Bergamaschi, alias Giorgione, di WATCHOUSE.

Vicenzaoro 2023

Entrando nel merito dell’evento, il “salotto” del vintage conta 35 espositori, comprese le ormai consuete presenze di “rock star” internazionali come Stefano Mazzariol, Elvio Piva Andrea Foffi, che torna con la seconda “stagione” della imperdibile mostra “Magister Speedmaster Exhibition” (la prima è stata presentata nella scorsa edizione di settembre) dedicata ai celebri cronografi Omega più rari ed esclusivi della sua raccolta privata. Da segnalare tra gli espositori il legame ufficiale con Watch Passion, la nota associazione di commercianti specializzati, che conta una selezione di 10 associati.

Interessante anche l’anima contemporanea del settore, sotto l’insegna di “Time”, ospitata al piano terra, nel core business della manifestazione e quindi regolamentata all’interno del format B2B di Vicenzaoro, che si rivolge agli operatori professionali. I marchi sono unacinquantina. Si va da startup e microbrand fino a realtà consolidate, senza dimenticare player affermati di componenti, accessori, strumentazione e attrezzature after-sales, su tutti il nome del “colosso” Bergeon e della celeberrima scuola di orologeria Wostep. E per i brand vale almeno la pena citarne una dozzina (in rigoroso ordine alfabetico): D1 Milano, Daniel Wellington, Edox, Gagà Milano, Junghans, Locman e il suo “spin-off” OISA, Maurice Lacroix, Perseo, i nostri amici di Squale, U-Boat e Venezianico. Ed è proprio sulla spinta del patron di Locman, Marco Mantovani, vero promotore del “Rinascimento” dell’orologeria italiana in chiave meccanica, con la presentazione (sempre a Vicenza nella scorsa edizione) del Calibro di manifattura italiana 29-50 Cinque Ponti OISA, che si terrà alle 16 del 20 gennaio il focus “L’orologeria italiana e i suoi segreti”. Con il professor Ugo Pancani (FHH – Fondation de la Haute Horlogerie di Ginevra e membro della GPHG Academy) che farà un interessante excursus sul ruolo rilevante che l’Italia ha avuto nella storia dell’orologio.

Vicenzaoro 2023

Adesso veniamo a WATCH INSANITY e ai suoi molteplici impegni vicentini. Alle 16 di sabato 21 Jacopo Giudici e Michele Mengoli, come sapete rispettivamente editore e direttore responsabile della nostra testata, intervisteranno Ruben Tomella, proprietario di Gagà Milano, che nell’occasione presenterà importanti novità di prodotto e anticiperà una partnership che farà parlare l’intera orologeria mondiale. Alle 17 seguirà la chiacchierata con Giorgione sulle origini e il futuro del nostro forum “WATCHOUSE”, “apripista” dell’aperitivo targato  “WATCHOUSE” delle 18. Per la domenica abbiamo altri due appuntamenti. Il primo, fissato per le 11, si intitola “Gli ultimi trend del mercato internazionale d’alta gamma” e vede l’intervento di Elvio Piva, Stefano Mazzariol e Roberto Verde, presidente dell’associazione Watch Passion. Mentre alle 15 parleremo del marchio Paradisi. Con il 32enne Riccardo Paradisi analizzeremo il sorprendente successo della sua startup attraverso il passaparola dei social con vendite in tutto il mondo. Successo motivato da contenuti di livello assoluto, come la grande novità, dai risvolti tecnici incredibili, che presenterà in anteprima mondiale.

Insomma, ne vedremo delle belle. Vi aspettiamo a Vicenza!

Vicenzaoro 2023