Sections
17 October 2021

Al via Vicenzaoro September 2021. Oltre alla gioielleria, orologi contemporanei e vintage: ecco finalmente la prima grande manifestazione internazionale post-covid in Europa!

È giunta l’ora di Vicenzaoro, dal 10 al 14 settembre nel padiglione fieristico della città di Palladio, nella speranza di metterci finalmente alle spalle gli effetti nefasti della pandemia. La “Fiera dell’oro” vicentina è dal 1954 il punto di riferimento per il mondo orafo-gioielliero prima in Italia e poi in Europa: un esempio su tutti, nel 1965, in pieno boom economico, negli stand di Vicenza, il valore, rivalutato ad oggi, di oro e gioielli esposti era di 5 miliardi di euro! E attraverso le sinergie innescate dalla proprietà che appartiene alla riminese IEG (Italian Exhibition Group), quotata in Borsa a Milano e leader nell’organizzazione di eventi fieristici (che si svolgono anche in USA, Emirati Arabi Uniti, Cina, Messico e India), con un giro d’affari di 178,6 milioni di euro, EBITDA di 41,9 milioni e un utile netto consolidato di 12,6 milioni di euro (dati 2019), Vicenzaoro è ormai da anni uno dei primi cinque player internazionali nel settore del gioiello. Ulteriore suggello dell’edizione “September 2021” – poi la prossima kermesse a Vicenza sarà quella di gennaio (dal 21 al 26) – sarà il fatto – davvero non solo simbolico – di essere il primo grande appuntamento fieristico internazionale in Europa dopo i tanti mesi di stop forzato a causa del covid, dove tutto il settore – dal meglio della produzione Made in Italy alle eccellenze internazionali fino alla filiera del packaging e dei macchinari più avanzati – si ritroverà per definire lo “stato dell’arte” dell’oreficeria mondiale.

Vicenzaoro 2021

VICENZAORO È ANCHE OROLOGI CON VO’CLOCK E VO VINTAGE

Non tutti sanno che Vicenzaoro – che prende l’attuale nome nel 1984 – è anche orologeria, tant’è che fino agli inizi degli anni Novanta proprio qui quasi tutti i marchi svizzeri d’alta gamma esponevano le proprie novità, con Antiquorum, la prima casa d’aste specializzata del settore, che nel 1992 ha organizzato la sua asta più importante dell’anno nel contesto dell’edizione di gennaio. Poi, inevitabilmente, la nascita dei grandi poli del lusso, che negli anni hanno rastrellato gran parte dei marchi top, ha riportato in Svizzera la centralità delle manifestazioni, tra Basilea e Ginevra, con Vicenza che invece si è concentrata sempre di più nel core-business del gioiello nella sua intera filiera. Dal 2016 però il mondo degli orologi è tornato a Vicenzaoro, prima con una selezione di marchi contemporanei indipendenti e poi, in parallelo, da gennaio 2020, con la sezione VO Vintage.

Vicenzaoro 2021

TANTE NOVITÀ, COMPRESA UN’ANTEPRIMA MONDIALE DI VINCENT CALABRESE, E MOLTEPLICI INCONTRI CON BIG ASSOLUTI TRA CONTEMPORANEO ED EPOCA CON GIULIO PAPI E SANDRO FRATINI

Per l’imminente edizione possiamo dire che l’attesa è davvero alta. Nell’ambito del contemporaneo – sotto l’insegna di VO’Clock – abbiamo un’assoluta anteprima mondiale con il maestro artigiano Vincent Calabrese che promette di riscrivere la storia dell’orologeria, avendo inventato il “Sistema Calasys”, che si pone come una vera alternativa alla spirale, più o meno ancora identica nel funzionamento a quella creata cinque secoli fa – per la precisione nel 1675 – dall’olandese Christiaan Huygens (1629-1695). Per adesso, come anteprima, sappiamo che il Sistema Calasys di Calabrese “elimina i difetti della spirale in modo semplice ed efficace” e può essere “impiegato in ogni tipo di scappamento” ottenendo “un rendimento superiore” e “una manutenzione molto più facile”.

Mentre per quanto concerne VO Vintage – dal 11 al 13 settembre – si conta sulla presenza del nostro leggendario Sandro Fratini, guest star della conferenza intitolata “Tra passione e investimento”, al quale parteciperanno anche Elvio Piva e Maurizio De Angelisquest’ultimo (a soli 33 anni!) lo scorso 26 giugno all’asta Antiquorum-Deangelis, a Forte dei Marmi, con 4,4 milioni di euro, ha doppiato il record di un’asta di orologeria in Italia: che prima apparteneva a Bolaffi con 2,1 milioni di euro battuti a Milano nel settembre 2020.

UN CALENDARIO RICCO DI APPUNTAMENTI

La manifestazione vicentina – oltre ovviamente agli orologi in esposizione, con una ventina di marchi che vi partecipano, e quelli vintage in vendita – conta anche su decine di momenti di condivisione di sapere. In questo senso, tra le tante, vanno almeno citate le conferenze “I grandi interpreti italiani dell’orologeria svizzera” (sabato 11, ore 12), con il leggendario maestro orologiaio Giulio Papi; e “Lo straordinario mondo del Vintage: il mercato, l’importanza delle condizioni all’atto dell’acquisto, il restauro a regola d’arte e come curare l’orologio nel tempo” a cura del professor Ugo Pancani, della FHH (Fondation de la Haute Horlogerie) Academy (domenica 12, ore 16).

Insieme ai tanti corsi, su tutti quello a cura del nostro amico Stefano Mazzariol, come ben sapete uno dei massimi esperti mondiali di Rolex vintage: “Newman Master, un viaggio alla scoperta del quadrante Daytona più leggendario” (domenica 12, ore 12, con attestazione di presenza); i due del CAPAC “Watch Technical Class – Introduzione alle basi della teoria dei movimenti in orologeria e applicazioni pratiche di assemblaggio e smontaggio” a cura del professore Rinaldo Cassani (domenica 12, dalle ore 10 e dalle ore 15); e quello della Fondation de la Haute Horlogerie: “Introduzione alla storia dell’orologeria, del mercato, della terminologia utilizzata, dei movimenti meccanici e delle complicazioni più famose”, sempre a cura del professor Pancani (lunedì 13, ore 10).

WATCH INSANITY E WATCHOUSE PARTNER DI VICENZAORO

Siamo lieti di rendere pubblico il nostro strettissimo legame con Vicenzaoro, visto che le nostre insegne – WATCH INSANITY insieme al suo forum, WATCHOUSE, nato quest’anno senza scopo di lucro e con l’obiettivo di consentire agli iscritti di avere accesso a visite alle case, serate di presentazioni, cene, eventi ad hoc ed edizioni speciali in collaborazione con i marchi amici – sono partner ufficiali della manifestazione. In questo ruolo saremo presenti in diverse situazioni, come la conferenza d’apertura intitolata “I marchi indipendenti e i nuovi scenari post-pandemia” (sabato 11, ore 10,30), moderata dal fondatore di WATCH INSANITY, Jacopo Giudici, insieme al sottoscritto. Conferenza al quale parteciperanno gli amici Mario Peserico (presidente di Assorologi), Bruno Bergamaschi (collezionista e fondatore del forum WATCHOUSE), Jacopo Corvo (Corvo&C. e boutique GMT Great Masters of Time), Stefano Superchi (Tempo Prezioso) e Cesare Cerrito (CEO di Meccaniche Veloci). Da sottolineare che i forumisti di WATCHOUSE avranno un trattamento speciale con iniziative esclusive “a titolo gratuito”, come l’“aperitivo di benvenuto” per tutti i membri del forum (sabato 11, ore 17:30 al VO Vintage Lounge; la cena “VO Vintage” insieme a espositori, organizzatori e partner (sabato 11, dalle ore 19:30 al ristorante della fiera), la partecipazione gratuita (previa iscrizione) ai corsi di CAPAC, di Stefano Mazzariol (“Newman Master”) e a quello di Ugo Pancani (“FHH Watch Essentials Class”).

IN CONCLUSIONE

Aspettiamo in trepida attesa Vicenzaoro September 2021 come primo gesto ufficiale di ripartenza di un grande evento fieristico dopo la pandemia. Nella considerazione che anche per l’orologeria è di sicuro l’evento che raggiunge la più estesa community di appassionati in Italia (e non solo), dal contemporaneo al vintage, per la vendita, la conoscenza e l’interazione tra appassionati e addetti ai lavori. Insomma, bando alle ciance, ci si vede tra pochi giorni a Vicenza!

By Michele Mengoli