Sections
28 febbraio 2024

Urwerk: UR-120 Aka Spock

Mano alzata, palmo in avanti, dita separate al centro, e poi il saluto: “Lunga vita e prosperità! ” È un meme noto a tutti i Trekkies, quasi un patrimonio mondiale, un saluto che suona come una benedizione. Questo segno è anche parte integrante del DNA del marchio URWERK. Da sempre occupa un posto d’onore su una parete dell’officina di Ginevra. E ora si trova anche sopra la platina del nuovo UR-120, la cui indicazione dell’ora riproduce il saluto vulcaniano. Questa è l’ultima sfida che Felix Baumgartner e Martin Frei hanno raccolto, con la speranza che anch’essa possa vivere a lungo e prosperare. 

Urwerk UR-120 Aka Spock

Al crocevia tra progresso tecnico, sviluppo orologiero e ispirazione spazio-temporale, l’UR-120 rappresenta una nuova tappa nella costante mutazione della specie URWERK. L’UR-120 porta avanti i codici della collezione UR-110 e ne ridisegna il concetto. Martin Frei, cofondatore e direttore artistico del marchio, torna sul ring per una nuova sfida, 11 anni dopo che l’UR-110 ha vinto il Design Watch Prize al GPHG 2011.

“Mi piaceva molto l’UR-110, ma c’erano così tanti altri modi per farlo evolvere… La mente di un designer è così. Il processo è infinito”. “E così Martin Frei tornò al tavolo da disegno. “L’idea era di andare in una direzione più sottile, più liscia, più elegante. Per questo abbiamo riprogettato l’intero sistema di satelliti. Ogni satellite è ora composto da due sottoelementi per renderlo più sottile, più facile da leggere e per conferirgli una fluidità senza precedenti. “

Urwerk UR-120 Aka Spock

Questo nuovo display satellitare dell’UR-120 è nato a 16,5 milioni di anni luce dalla Terra, nel Quadrante Beta. È lì che si usa l’ispirazione originale per il suo display, una mano aperta a forma di V: nella civiltà del signor Spock, su Vulcano. Si basa su satelliti rotanti che si aprono in modo da poter ruotare, ciascuno sul proprio asse. Questa innovazione senza precedenti permette di guadagnare notevolmente in spessore.  

Questo si traduce in un volume unico. Con 44 mm di lunghezza, 47 mm di larghezza e 15,8 mm di spessore, la cassa dell’UR-120 si distingue per il suo perfetto senso dell’ergonomia. L’altezza massima è raggiunta al centro del vetro zaffiro, all’apice di una dolce curva. La parte superiore della cassa è completamente liscia, senza alcuna vite o tacca, e offre linee perfettamente fluide.

LA FORZA MOTRICE DEL NUOVO UR-120

L’ultimo oggetto celeste della costellazione di URWERK si affida ai satelliti divisori. All’interno del calibro UR-20.01la giostra centrale è dotata di tre bracci, ciascuno dei quali reca un satelliteSu tutti e quattro i lati di questo satellite si trova un indicatore delle ore. Quando esce dalla minuteria e raggiunge la parte sinistra della cassa, aziona un pulsante che comanda il cambio del quadrante del satellite. Quest’ultimo mostra la sua vera natura con una sequenza cinematica senza precedenti.

Urwerk UR-120 Aka Spock
Urwerk UR-120 Aka Spock

Il satellite si apre, rivelando due borchie rettangolari. Esse assumono una forma a V, ricreando così il saluto vulcaniano che ha dato il soprannome all’UR-120. Una volta separate, entrambe le borchie ruotano sul proprio asse e si chiudono, per mostrare la nuova unità oraria

Sotto il cofano di questo veicolo spaziale avviene una triplice rivoluzione: il carosello dei satelliti ruota su un asse centrale, ogni satellite contro-ruota per rimanere in posizione verticale e quindi leggibile e ogni borchia ruota sul proprio asse.

Urwerk UR-120 Aka Spock

Gli altri aspetti del display rimangono tipici della specie URWERK originale: la giostra dei satelliti si muove lungo il settore della minuteria, situato sul lato destro della cassa. Il lato indicato dal satellite e la sua posizione su tale scala indicano l’ora e i minuti.

ENERGIA CREATIVA

” In verità, quando abbiamo capito che avremmo dovuto aprire il satellite, ero al settimo cielo”, afferma Felix Baumgartner, cofondatore e maestro orologiaio di URWERK. La nostra sfida più grande è sempre stata quella di gestire le forze. Nel momento esatto del saluto, una molla a forma di lira apre e poi chiude il satellite. Gestire l’energia in quel momento è complesso e molto sottile. Dobbiamo gestire l’apertura e la rotazione del perno. Abbiamo finito per produrre la molla da soli, in casa, perché abbiamo dovuto fare molte prove per definirne la geometria e lo spessore. Con l’UR-120, abbiamo anche registrato un notevole guadagno in termini di leggibilità: gli indici delle ore che si aprono sono diventati più grandi del 35% rispetto all’UR-110. “

Urwerk UR-120 Aka Spock

Di norma, il modo in cui vengono costruite le creazioni di URWERK e le loro dimensioni derivano da vincoli tecnici, primo fra tutti il volume richiesto dal display. Una parte importante della natura stessa di URWERK è la capacità di trasformare questo vincolo spaziale in un’opportunità di design e di spettacolo orologiero. Diventa così parte della conversazione globale sull’immaginazione, sul sogno e sulla spinta creativa che fa progredire gli orologi.

CONFORT ED ERGONOMIA

Oltre a questo nuovo sistema di orologeria e al volume che consente, l’UR-120 annuncia diversi nuovi elementi di design. Martin Frei riconosce una personale interpretazione dell’approccio progettuale di Gerald Genta. “Mi è sempre piaciuto il modo in cui sono costruite le sue casse, con una cassa inferiore e una superiore intrecciate. Tecnicamente parlando, è molto intelligente”. La cassa dell’UR-120 è composta da due parti interconnesse, equivalenti al fondello e alla lunetta. Si collegano senza soluzione di continuità con l’aiuto di viti laterali. 

Urwerk UR-120 Aka Spock
Urwerk UR-120 Aka Spock

Un ulteriore elemento di fluidità è dato dalla presenza di anse sull’UR-120, una rarità nella linea di creazioni URWERK. Inoltre, sono articolate. All’interno di quella situata a ore 6, URWERK ha inserito una molla che fa parte del modo in cui il cinturino si appoggia e aderisce al polso. Il materiale di cui è fatto questo cinturino è un’altra novità. Al posto del tradizionale tessuto tecnico, URWERK ha scelto la pelle di vitello, con un motivo a rilievo di tipo balistico. Ricorda il nylon intrecciato, ma offre un comfort e una flessibilità superiori.

UR-120 AKA SPOCK: LA PRIMA EDIZIONE

La prima serie dell’UR-120 assume una forma quasi interamente grigia. La parte superiore, la lunetta, è realizzata in acciaio finemente sabbiato. La parte inferiore è in titanio sabbiato e apre una nuova era del design. Una piccola finestra offre una visione diretta del Windfänger, il componente a forma di stella che regola l’intensità della carica automatica. Al centro, un grande medaglione ospita due tipi di finiture: profonde scanalature su tutta la superficie e, a ore 9, una placca con il monogramma URWERK. La corona è in acciaio e anche il cinturino è grigio. 

Urwerk UR-120 Aka Spock

Questo continuum monocromatico è intervallato da frammenti d’oro. Tutte le croci di Malta e le molle a forma di lira sono trattate con PVD oro 24 carati, a sottolineare gli aspetti tecnici di questo segnatempo. Non diversamente dai ramjet Bussard che si trovano nella parte anteriore dei motori a curvatura dell’Enterprise.

Urwerk UR-120 Aka Spock

Il nuovo URWERK UR-120 Aka Spock sarà presto disponibile in edizione non limitata al prezzo di CHF 100,000 + tasse ma non fatevi ingannare, come ben sapete si parla sempre di pochi esemplari all’anno.