Sections
28 febbraio 2024

Urwerk: UR-100V UltraViolet

Se dopo il modello con bracciale in titanio e il Time and Culture pensavamo che la collezione UR-100 fosse ormai al completo ci sbagliavamo… Ai Geneva Watch Days 2022 Urwerk ha infatti svelato il nuovo UR-100V UltraViolet, una nuova versione con cassa in DLC Viola e cinturino in gomma bianco a dir poco spaziale.

Urwerk UR-100V UltraViolet

PERCHÉ VIOLA?

Viola! Questa magnifica tonalità si trova all’estremità dello spettro cromatico visibile percepibile dall’occhio umano. Tutto ciò che va oltre il viola è al di fuori del campo del colore. Il viola è la tonalità definitiva. Quella dei combattenti, degli estranei, dei pazzi. Eroi o cattivi? Non importa. Se hai bisogno di farti sentire, fallo in viola!

Urwerk UR-100V UltraViolet

Martin Frei parla del colore che è così speciale per lui: “Mi piace il fatto che un colore sia molto più di ciò che possiamo percepire. Lo spettro cromatico visibile ai nostri occhi varia dal rosso al viola. Al di là di quella sfumatura, il colore si trasforma in una forma d’onda che i nostri occhi non riescono più a rilevare, l’ultravioletto. Sono affascinato dall’idea di creare un orologio che celebri questo confine, questo punto di non ritorno, questo passaggio da percepibile a impercettibile. L’UR-100V UltraViolet parla di questa esplorazione dei limiti Il nostro UltraViolet trasmette qualcosa di mistico, è una tonalità che si trova al confine di una dimensione che chiamiamo colore.”

IL NUOVO UR-100V ULTRAVIOLET

Dotato di un cinturino in gomma, l’UR-100V UltraViolet riprende i codici della famiglia 100. Sull’UR-100V, la visualizzazione delle ore e dei minuti del satellite è completata da nuove informazioni. Una volta raggiunto il 60° minuto, la lancetta dei minuti svanisce e riappare come un contachilometriIllustra i 555 chilometri percorsi ogni 20 minuti da ogni abitante del Pianeta Terra. Questa è infatti la velocità media di rotazione della Terra calcolata all’Equatore (distanza di rotazione). Appare esattamente opposto è la rivoluzione terrestre attorno al sole (distanza orbitale), ovvero 35.740 chilometri ogni 20 minuti. Sul volto dell’UR-100V, ore e chilometri condividono quindi lo stesso stato, la stessa scala di valoriQueste unità sono illuminate di notte in blu per le ore e in verde per i chilometri.

Urwerk UR-100V UltraViolet

Felix Baumgartner, maestro orologiaio e co-fondatore di URWERK afferma: “Questa creazione è stata ispirata da un dono di mio padre, Geri Baumgartner, un rinomato restauratore di orologi antichi. È un orologio realizzato da Gustave Sandoz per l’Esposizione Universale del 1893 e la sua la particolarità sta nel fatto che invece di mostrare le ore, indica la distanza di rotazione percorsa dalla Terra all’Equatore.”

IL CALIBRO DELL’UR-100V ULTRAVIOLET

Sotto la cupola dell’UR-100V batte il nuovo URWERK Calibre 12.02 con il suo display dell’ora a tre satelliti. “Il cambio di calibro per questa versione si riflette nel ridisegno della giostra centrale. Gli indici sono posizionati più vicino alla scala dei minuti per una lettura dell’ora ancora più intuitiva e fluida“, spiega Felix Baumgartner. Il carosello è forgiato in alluminio e successivamente sabbiato e pallinato dopo l’anodizzazione. Ogni vite dei satelliti è satinata con motivo circolare. I satelliti poggiano su un carosello in ottone sabbiato e trattato rutenio. La struttura che copre l’indicazione delle ore è realizzata in acciaio sabbiato e alluminio sabbiato. L’avvolgimento automatico dell’UR-100V è governato da un rotore bidirezionale regolato da un’elica Windfänger.

Urwerk UR-100V UltraViolet

L’estetica della custodia dell’UR-100V è un piacere regressivo. Ricorderà infatti ai fedeli di URWERK l’estetica che caratterizzava i primi modelli del marchio indipendente: “Abbiamo preso alcuni elementi estetici dalle nostre prime costruzioni e destrutturato il nostro approccio. Ad esempio, la cupola in acciaio dei nostri modelli storici è qui riprodotta attraverso la trasparenza del vetro zaffiro. La sua perfezione è sottolineata dalla ruvidità della cassa in titanio e acciaio. Da persona che mette continuamente in discussione i dettami della simmetria, ho giocato con le proporzioni per sfidare l’occhio”, riassume Martin Frei. (Prezzo CHF 55,000 + Tasse)