Sections
04 giugno 2023

Byrne: Gyrodial Zero Rhodium Silver & Black

Byrne Watch, nel Marzo del 2023, aggiunge un ulteriore capitolo alla propria storia presentando il Gyrodial ZERO. Una visione, un movimento, un’animazione unica, apparentemente semplice ma complessa nella sua articolazione e mai vista prima nel mondo dell’orologeria. Un orologio, quattro quadranti ogni giorno. Durante ogni notte a mezzanotte, o a mezzogiorno, con precisione e fluidità, i quattro indici a forma di cuboide girevole si trasformano e rivelano un nuovo aspetto.

Byrne Gyrodial Zero

LE QUATTRO ORE DANZANTI

Vi starete sicuramente chiedendo come è stato possibile concepire un simile design? 

L’idea dei segnatempo Byrne giunse a John Byrne, abile designer e sapiente restauratore di orologi, nel 2015 durante uno spettacolo dell’Apollo di George Balanchine all’Opera Bastille di Parigi. Quella sera rimase colpito da un tableau in cui i ballerini, posizionati uno dietro l’altro, cambiarono posto in maniera così accurata da restituire al pubblico l’impressione di una singola figura con quattro volti differenti

Byrne Gyrodial Zero

Rese partecipe di questa idea anche la moglie Claire, consulente in area retail e lusso. Quest’ultima, entusiasta del progetto, decise di unirsi a lui in un viaggio che li avrebbe portati in Svizzera, nella città di Fleurier, una delle sedi storiche dell’orologeria. L’avventura di Byrne Watch ebbe inizio, suggellando il binomio tra lunga esperienza nel restauro di prestigiosi orologi e know-how di una manifattura fondata da capitani dell’industria orologiera. Anni di sperimentazione e processi di perfezionamento portarono nel 2021, alla nascita del modello Gyrodial. E anche Byrne Watch, con la sua teatrale complicazione, regala al mondo dell’alta orologeria  un’interpretazione inedita del segnare il tempo. 

UN NUOVO INIZIO PER IL GYRODIAL

Il Gyrodial ZERO è completamente ridisegnato e viene presentato in due nuove configurazioni: Rhodium Silver e Rhodium Black. 

Byrne Gyrodial Zero

La cassa di 41.7 x 48.1 mm, ottenuta dalla diretta lavorazione della lega di titanio grado 5, è stata riprogettata assottigliandone il profilo in misura maggiore rispetto al Gyrodial originale, presentato la scorsa estate a Ginevra. La sua forma a cuscino è quindi enfatizzata da linee tese e silhouette curva. La lunetta invece, condivide la medesima finitura sabbiata della platina, ed emerge in stile squisitamente industrial con diversi toni e sfumature di grigio scuro metallizzato.

Byrne Gyrodial Zero

Osservando il quadrante, cogliamo come la minuteria sia incisa direttamente sulla platina e trattata con Super-LumiNova al fine di aumentarne la leggibilità e la durabilità. I quattro cuboidi rotanti e le rispettive iterazioni (numeri arabi, numeri romani, quadrante sportivo e quadrante trasparente) sono più evidenti ed ingranditi, e situati nei punti cardinali del quadrante. Gli indici presentano inoltre una finitura rodiata tono su tono (argentata nel primo modello e nera nel secondo), leggermente diversa da quello della platina, esaltando i tratti dell’orologio e il contrasto sottile tra i vari elementi.

Byrne Gyrodial Zero

Il quadrante scheletrato rivela l’essenza del GyroDial ZERO, il suo movimento. Il calibro 5555, visibile attraverso il fondello in vetro zaffiro è interamente sviluppato ed assemblato nella città di Fleurier assieme a Le Temps Manifacture. È composto da 261 componenti, riserva di carica di 60h e frequenza di 28.800 vph. 

Byrne Gyrodial Zero

Dietro la scelta di esporre il movimento si cela anche l’ironico messaggio di John Byrne per cui non è necessario un movimento esclusivamente scheletrato per dimostrare di essere inventivi. 

PREZZI E DISPONIBILITÀ

Entrambi i modelli sono dotati di cinturini (vitello grigio liscio per il modello argentato e gomma grigia per la versione nera) con finale curvo e chiusura ad ardiglione personalizzata in titanio grado 5. È inoltre possibile ordinarli online su https://www.byrnewatch.com al costo di €. 18.500

By Luca Barone

Byrne Gyrodial Zero