Audemars Piguet: Royal Oak RD#2 Perpetual Calendar Ultra Thin

Pablo Mac Donough
Richard Mille: RM 53-01 Tourbillon Pablo Mac Donough
22 gennaio 2018
Astronomo
Panerai: l’ Astronomo Galileo Galilei
24 gennaio 2018

Audemars Piguet: Royal Oak RD#2 Perpetual Calendar Ultra Thin

RD#2

È un incontro fortunato tra la complicazione del calendario perpetuo e l’ultrapiatto si incontrano il nuovissimo Royal Oak RD#2 in Platino. Lo straordinario segnatempo è stato presentato per la prima volta al SIHH 2018 come prototipo, mentre Audemars Piguet prevede di lanciarlo commercialmente l’anno prossimo.

RD#2

Ci sono voluti cinque anni per sviluppare il nuovo calibro ultrapiatto 5133, il più sottile calendario perpetuo a carica automatica oggi disponibile sul mercato. Il calendario perpetuo del Royal Oak RD#2 indica giorno, data, luna astronomica, mese, anno bisestile, oltre a notte e giorno, ore e minuti.

La sfida nella manifattura del calibro è consistita nel riprogettare un movimento a tre piani su un unico livello. Tale sistema, brevettato, è dotato di un rotore centrale da 2,89 mm. E, con i suoi soli 6,30 mm, la nuova cassa ridisegnata misura quasi 2 mm in meno rispetto al Royal Oak Extra-Thin Jumbo.

RD#2

Il calibro 5133 ha una riserva di carica di 40 ore e una frequenza di 2,75 Hz / 19’800 alternanze orarie. È ospitato all’interno di una cassa in platino 950 con l’incisione RD#2 sul fondello, vetro zaffiro antiriflesso e impermeabile fino a 20 metri. Anche il bracciale, con chiusura deployante AP, è in platino 950. Infine, il quadrante è blu con motivo “Grande Tapisserie”, contatori blu, indici applicati in oro bianco e lancette Royal Oak con rivestimento luminescente.

Un’evoluzione eccezionale di un’icona senza tempo.

RD#2