Sections
29 November 2022

Zenith: Defy Lab Con Il Nuovo Oscillatore Rivoluzionario

Zenith scrive il proprio futuro … nonché quello dell’orologeria svizzera”. Esordisce così il comunicato con cui Zenith annuncia alla stampa e al pubblico il lancio del suo nuovo modello Defy Lab e il suo nuovo oscillatore – un’invenzione in grado di rimettere in discussione niente meno che il principio di funzionamento degli orologi meccanici ideato da Christiaan Huygens nel 1675.

Defy Lab

Forte di una storia lunga oltre 150 anni, la Manifattura svizzera di Le Locle, parte del gruppo LVMH, produce circa 40 movimenti diversi in-house. Tra le altre innovazioni, nel 1969 è stata artefice del primo cronografo automatico nella storia dell’orologeria svizzera, il movimento El Primero, ormai leggendario.

Oggi Zenith mira a soppiantare il principio, inventato dall’astronomo, matematico e fisico olandese Christiaan Huygens, della regolazione del tempo per mezzo di bilanciere e spirale all’interno di un orologio: un principio tuttora alla base di tutti gli attuali orologi meccanici.

Defy Lab

Con Defy Lab Zenith introduce un movimento completamente rinnovato, chiamato ZO 342. La particolarità di questo calibro salta immediatamente all’occhio: l’oscillatore Zenith, spesso soltanto 0,5 mm, è visibile sotto il quadrante scheletrato. Il nuovo oscillatore Zenith, al contrario del regolatore di un orologio meccanico tradizionale, cioè un gruppo bilanciere-spirale formato da oltre 30 componenti e di spessore di circa 5 mm, è monopezzo e privo di collegamenti meccanici, pertanto ha una trentina di componenti tradizionali in meno (che necessiterebbero di assemblaggio, adattamento, regolazione, controllo e lubrificazione).

Defy Lab

L’assenza di accoppiamenti elimina i contatti, gli attriti, le usure, le deformazioni, la lubrificazione, gli assemblaggi e le dispersioni. La ruota che sostituisce quella di scappamento ha una forma particolare e il suo ciclo non corrisponde al funzionamento classico di uno scappamento ad ancora svizzero. È in silicio, rivestita con ossidazione superficiale.

Defy Lab

L’oscillatore Zenith batte a una frequenza di 15 Hz, tre volte superiore a quella dello storico movimento El Primero, beneficiando tuttavia del 10% di riserva di carica supplementare. Senza alcun tremolio, la lancetta di secondi compie una rotazione fluida e continua.

Il Defy Lab guadagna in termini di consumo di energia rispetto a un sistema bilanciere-spirale convenzionale, così come supera per precisione i requisiti della norma ISO-3159.

Defy Lab

La cassa da 44mm del segnatempo è in Aeronith, un nuovo materiale ibrido (composto di schiuma d’alluminio e polimero speciale) 2,7 volte più leggero del titanio, 1,7 volte più leggero dell’alluminio e il 10% più leggero della fibra di carbonio, oggetto di un brevetto depositato dal reparto R&D di Hublot – altro brand del gruppo LVMH.

Defy Lab

Anche se la volontà della maison è di sviluppare una produzione di serie, al momento sono stati prodotti soltanto 10 Zenith Defy Lab, tutti diversi tra loro. I pezzi unici, venduti in speciali cofanetti di lancio (29,900 CHF), sono già acquistati in prevendita da altrettanti collezionisti.

Defy Lab

Defy Lab