Sections
19 settembre 2020

Rolex Submariner 5512: Duecento Metri In Fondo all’Anima

L’approccio all’orologeria d’epoca è complicato e lo è per un semplice motivo: perché generalmente per apprezzare un vecchio orologio, dove magari un difetto diventa un valore aggiunto, bisogna farsi prima una cultura in merito. Poi, però, una volta entrati nel giusto “mood” di sensibilità e conoscenza è ancora più complicato poterne fare a meno, con questi oggetti antichi che diventano allora una specie di malattia che ci pervade senza rimedio.

Partendo da questo presupposto, vi presento uno degli orologi che ha fatto crescere in me il gusto e il desiderio di conoscenza del vintage. È un Rolex Submariner e si tratta del trisavolo di quelli che ancora si vendono adesso, che sono un po’ più scintillanti e con la ghiera in ceramica. Un nonno che porta con disinvoltura i suoi – quasi – sessant’anni e davvero per lui sembra che il tempo non sia passato, come una specie di Highlander imperterrito all’invecchiamento di tutti gli altri suoi coetanei.

IL SUBMARINER 5512

Il nome tecnico è Referenza 5512 ed è stato progettato per resistere non a 100 metri ma addirittura – per i tempi – a 200 metri sott’acqua e questa è l’indicazione sul quadrante con bella grafica color oro su un fondo lucido nero intenso. Il movimento non è particolarmente sofisticato e non è neanche certificato come cronometro, non ha nemmeno la data e nessun altro dettaglio che potrebbe distogliervi dal darvi soltanto l’ora esatta, oltre alla sicurezza di portarvi in acqua senza sorprese. D’altronde la politica commerciale di Rolex è sempre stata la stessa: meno complicazioni possibili e movimenti e parti sovradimensionate. Tutto l’occorrente per dare l’affidabilità più alta possibile.

Rolex Submariner 5512
Rolex Submariner 5512

La Ref. 5512 nasce nel 1959 per prendere il posto dei vecchi leggendari Submariner degli anni Cinquanta e rimane in produzione fino alla fine degli anni Settanta, confermandosi anno dopo anno uno dei modelli più ricercati dagli appassionati e, tra l’altro, uno dei Rolex più riconoscibili e copiati di sempre, che potete portare tutti i giorni e che non vi stancherà mai. Il nero profondo del suo quadrante e le scritte oro con gli indici ingialliti dal tempo vi affascineranno ogni volta che lo guarderete. Soprattutto vi accorgerete che non sarà importante vedere che ore sono. Perché il gesto di ripetere per decine di volte al giorno l’esperienza di godere dell’armonia delle sue proporzioni e dei suoi colori caldi che vi si presenteranno davanti a ogni sguardo vi toglieranno l’interesse di sapere l’ora. E quando vedrete il suo bracciale a ribattini leggero, non vi interesserà neppure il dato sulla sua precisione.

Rolex Submariner 5512

Inoltre, il vostro 5512, come ogni orologio vintage, sarà unico perché non esistono due orologi d’epoca identici visto che il tempo passa in maniera diversa per ogni oggetto e lo rende, per l’appunto, unico. E questa è la grande forza del vintage: poter guardare tutte le volte che volete un oggetto unico che vi dà emozione. Ecco allora che vi troverete a guardare le sfere perfettamente piatte, come usavano all’epoca, realizzate in ottone nichelato che poi, nel tempo, come si vede in foto, “fiorisce” facendo sollevare il nichel per “inquinare” il trizio con aloni verdastri. E non vi sfuggirà lo strato di zapon nero a specchio che delimita tutta la grafica oro posta in “trincea” rispetto a esso sul quadrante, come se affondasse in un mare di pece. Poi la vostra vista si soffermerà sulla lunetta anodizzata e sul famoso cinque “long five” che è un’altra sua famosa caratteristica. E diventerete curiosi di scoprire com’è possibile avere indici a semisfera così perfetti e giallognoli.

Rolex Submariner 5512

Insomma, vi sembrerà strano che un oggetto di un’altra epoca vi si mostri in fondo così ipnotico oltre che moderno da stare al passo coi i migliori design dei tempi attuali e vi chiederete come sia possibile che tante cose passino di moda ma questo orologio no. Perché? Semplice, il Rolex Submariner Ref. 5512 è un super classico: un must, una istituzione, una pietra di paragone e nella sua semplicità disarmante è capace solo col tatto di darvi emozioni uniche e passandolo tra le dita scoprirete qualcosa che non ha eguali nella produzione moderna. Vi sembrerà di ascoltare una storia, un racconto lontano, un punto di vista diverso, dove non conta l’orario ma il tempo trascorso. E in fondo la nostra passione è questa, ben oltre l’ora, dritta al cuore.

By Marco Di Falco