Sections
17 aprile 2024

Louis Vuitton: Escale Cabinet of Wonders Triptych

La nuova trilogia Escale di Louis Vuitton racconta il viaggio della Maison attraverso i regni del savoire-faire e della maestria orologiera. Tre orologi in edizione limitata, ispirati alle collezioni personali di Gaston-Louis Vuitton e intrisi di tecnica, combinano un’ampia selezione di métiers d’art per raccontare il prossimo capitolo dell’Alta Orologeria della Maison.

Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders Triptych

La collezione trae ispirazione da Gaston-Louis Vuitton, alla guida dell’azienda dal 1907 al 1970, il cui amore per l’arte ha contribuito a plasmare l’attuale identità della Maison. Nella sua collezione privata di oggetti rari e ricercati vi era una selezione di antiche tsuba (una fodera per la katana, la spada giapponese, finemente lavorata), che ha ispirato il design e il simbolismo del Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders.

ESCALE CABINET OF WONDERS KOI’S GARDEN

In una cassa realizzata in oro bianco, sono raffigurate due carpe in una danza turbinosa tra vivaci mulinelli di un ruscello, circondate da pietre colorate. Sul quadrante del Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders Koi’s Garden, la scena idilliaca che ispira la meditazione ha richiesto 150 ore di un minuzioso lavoro manuale. Le carpe sono scolpite in oro bianco, ogni squama, ogni pinna e ogni barbiglio sono stati finemente incisi a mano. La successiva fase di cottura in forno conferisce alle carpe uno strato sottile di ossido scuro, un tocco da alchimisti, che enfatizza l’effetto tridimensionale del pesce.

Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders Koi's Garden

Segue poi la lucidatura a mano, sotto l’occhio attento dell’incisore che scruta ogni componente per eliminare lo strato di ossido, in modo da lasciar intravedere l’oro bianco e riprodurre lo scintillio iridescente delle squame della carpa. Infine, l’ultimo tocco è dato dal miniaturista che cosparge il pesce di lacca blu traslucida. Questo passaggio è fondamentale per animare la carpa, facendola brillare sotto la luce proprio come una vera koi giapponese in uno stagno.

Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders Koi's Garden
Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders Koi's Garden

Le pietre di colore ambrato sono in quarzo fumé, quelli bianchi in cristallo di rocca ed infine quelli realizzati con diamanti incastonati ricordano l’effetto scintillante della luce sull’acqua, le cui increspature sono ricreate da sassolini blu in cristallo di rocca sedimentati su un disco di madreperla con incisi i fiori Monogram Louis Vuitton. Le onde dell’acqua sono incise a mano sulla placca del quadrante, dove si trovano le iniziali di Gaston-Louis Vuitton a ore 6, scolpite in oro con finiture a contrasto e onice incastonato.

Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders Koi's Garden

ESCALE CABINET OF WONDERS SNAKE’S JUNGLE

In un’altra parte del mondo, nel cuore di una foresta di bambù verdeggiante, si sviluppa uno scenario altrettanto affascinante anche se un po’ più selvaggio. Un serpente, impreziosito da un disegno reticolare nei toni vivaci del blu e del verde, alza la testa con la lingua biforcuta e le zanne in vista. Ha lo sguardo fisso sulla sfera d’oro e giada nefrite che forma il monogramma di Gaston-Louis Vuitton.

Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders Snake's Jungle

La forza di questa scena sul quadrante del Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders Snake’s Jungle nasconde la complessità e l’estrema cura necessaria per realizzarla. La foresta di bambù è in realtà una composizione di legno, pergamena e paglia; selezionata con cura, tagliata e assemblata perfettamente a mano, impiegando la tecnica dell’intarsio per riprodurre tutte e quattordici le tonalità di verde richieste dal progetto. Un totale di 367 tessere compongono questo intricato puzzle, che ha richiesto l’uso di quattro varietà di legno, tre diversi colori di paglia e due tipi differenti di pergamena.

Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders Snake's Jungle
Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders Snake's Jungle

Quanto al serpente, sono state impiegate tre tecniche differenti: microscultura, incisione e smaltatura champlevé. Per dare al soggetto un effetto dinamico e tridimensionale, le spire del suo corpo in oro bianco sono state scolpite e poi decorare con incisioni a V e fiori Monogram. Entrambe le fasi di scultura ed incisione hanno previsto un uso limitato di oro bianco nelle cavità che sono poi state riempite con smalto champlevé. Un ciuffo di foglie di bambù, scolpito, inciso e smaltato con la stessa modalità decora l’angolo superiore destro del quadrante, stringendo nell’abbraccio della foresta il monogramma GLV.

Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders Snake's Jungle

Il solo quadrante non riesce a contenere l’esuberanza della scena; le foglie di bambù superano i confini vitrei per riversarsi sulla cassa in oro bianco, una vibrante allegoria della forsa della natura.

ESCALE CABINET OF WONDERS DRAGON’S CLOUD

A completare la trilogia è il modello in oro rosa che raffigura un possente drago mentre stringe il monogramma GLV con una corniola incastonata. A differenza di quelli occidentali, i draghi asiatici sono creature del cielo e dell’acqua, spesso raffigurati vicino ai laghi o in volo tra le nuvole.

Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders Dragon's Cloud

Per rappresentare l’habitat tipico del drago asiatico, è stata utilizzata una rara tecnica nota come damascatura; si tratta di una decorazione realizzata attraverso l’incastro di metalli stratificati, dai colori a contrasto. Nel Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders Dragon’s Cloud, la piastra del quadrante viene martellata per ottenere una finitura opaca prima di incidere i solchi che accoglieranno fili d’oro giallo e rosa in diverse lunghezze. Questi fili vengono prima lavorati a freddo, poi a mano con un bulino per dare forma e rifinire il metallo intarsiato.

Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders Dragon's Cloud
Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders Dragon's Cloud

Il drago e le nuvole che lo avvolgono sono incisi e rifiniti con un susseguirsi di superfici lucide ed opache, per esaltarne i particolari. Le squame sono smaltate e si distinguono nella metà inferiore del corpo grazie all’uso dello smalto paillonné. Una tecnica decorativa molto rara, tra le più complesse utilizzate in orologeria, contenente minuscole lamine di foglia d’oro (paillon) che vengono posizionate tra gli strati dello smalto traslucido. I paillon del fiore Monogram in oro giallo impreziosiscono le squame del drago, luccicando su uno sfondo di smalto nero, mentre i fiori Monogram in oro rosa più grandi sono applicati sul quadrante.

Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders Dragon's Cloud

A imitazione del monogramma GLV con la corniola incastonata, l’occhio del drago, che brilla di un rosso intenso, è rappresentato da un rubino dal prezioso taglio a cabochon, incastonato nella piega della palpebra in oro giallo. Insieme al drago, simbolo di potere e saggezza, sono molto importanti anche damascatura e smalto paillonné: due tecniche considerate arti perdute, prima che gli artigiani odierni le recuperassero e reintroducessero.

Dopo la nuova versione del Tambour nel 2023, il Louis Vuitton Escale è il primo modello a presentare una nuova estetica ed un movimento inedito, facendo il suo debutto con la collezione Cabinet of Wonders métiers d’art. Fedele al savoir-faire dei maestri artigiani, il Louis Vuitton Escale conserva la purezza della cassa rotonda con i dettagli sulle anse della cassa lucidata a mano che rimandano ai rivetti in metallo degli iconici bauli Louis Vuitton.

La lunetta lucida sfoggia ora una sottile curva per aggiungere morbidezza al profilo della cassa, effetto esaltato dalla finitura satinata a contrasto nel centro. Le lancette delle ore e dei minuti sono state rielaborate a forma di lancia, ispirate alle tradizionali lancette Alpha, lucidate e sfaccettate per riflettere la luce. Infine anche la corona di tutti e tre i modelli è stata impreziosita con la stessa pietra del monogramma GLV sul quadrante.

Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders Triptych

Lo spirito del viaggio pervade la trilogia Louis Vuitton Escale; le carrure e le fibbie dei modelli sono decorate con tre varianti delle onde Seigaiha: una raffigurazione stilizzata dell’oceano, tratta dall’iconografia giapponese tradizionale. Persino i ponti del movimento (il calibro LFT023 di manifattura) sono impreziositi da questo motivo suggestivo, associato alla buona sorte e al benessere.

Restando fedeli all’attenzione verso i dettagli riposta nella realizzazione della trilogia, i tre segnatempo sono abbinati a cinturini in pelle di vitello, intrecciati a mano per riprodurre le impugnature intrecciata delle katane giapponesi, realizzati secondo una tecnica appositamente sviluppata per la trilogia.

Ciascuno dei tre modelli della collezione Louis Vuitton Escale Cabinet of Wonders è limitato a soli venti esemplari. Il Koi’s Garden ha una cassa (40 mm) in oro bianco con cinturino blu; lo Snake’s Jungle ha una cassa (40 mm) in oro bianco con cinturino verde e il Dragon’s Cloud ha una cassa (40 mm) in oro rosa con cinturino marrone.