Sections
02 December 2022

Harry Winston: Midnight Diamond Drops Automatic

È stato in possesso di circa un terzo dei diamanti e delle pietre preziose più importanti al mondo, Harry Winston. Tra questi il leggendario e raro diamante blu Hope di 45,52 carati, acquisito nel 1949. Questa nuance, nel cuore del brand, impreziosisce il quadrante del nuovo Midnight Diamond Drops Automatic 29mm.

La scena raffigurata sul quadrante del segnatempo ricorda una notte d’inverno, punteggiata di 102 fiocchi di diamanti taglio brillante che cadono dal cielo. Caratterizzata da diamanti di tre diverse dimensioni, la tela invernale prende vita. I diamanti più grandi occupano il centro della scena, mentre i più piccoli costellano lo spazio circostante.

A ore 3 e a ore 9 si trovano indici rettangolari anch’essi impreziositi da diamanti, mentre uno spettacolare diamante taglio smeraldo è posto a ore 12. La piccola cassa di 29 mm in oro bianco 18 carati diventa lo scrigno per questa sfavillante interpretazione della natura. 64 diamanti taglio brillante impreziosiscono la lunetta, le anse e la corona che riprende il tipico arco di Harry Winston.

Midnight Diamond

L’intenso colore blu del quadrante trova eco nel cinturino in alligatore, dotato di classica fibbia ad ardiglione in oro bianco.

Oltre a mostrare l’abilità nell’incastonatura e l’eccellenza nelle pietre preziose della maison, il Midnight Diamond Drops Automatic 29mm ne esalta il savoir-faire orologiero. Infatti, mentre il primo segnatempo Midnight Diamond Drop, lanciato nel 2014, presentava una cassa di 39 mm e un movimento al quarzo, questo nuovo modello è il più piccolo della collezione Midnight nonché il primo orologio di 29 mm ad essere alimentato da un movimento meccanico a carica automatica. Dotato delle più recenti tecnologie, come la spirale piatta in silicio, questo esemplare con rotore in oro rosa 22 carati vanta meravigliose finiture realizzate a mano sul movimento, tra cui decorazioni Côtes de Genève, rodiatura e perlage, visibili dal fondello in vetro zaffiro.

By Valeria Garavaglia