Sections
04 marzo 2021

Breguet: Classique Double Tourbillon Quai de l’Horloge

Presentato per la prima volta nel 2006, oggi il Double Tourbillon di Breguet si può osservare dal quadrante in vetro zaffiro del nuovo Classique Double Tourbillon Quai de l’Horloge. Molto stilizzati e bombati, i ponti del bariletto in acciaio prendono la forma di una «B». Tutti i componenti sono meticolosamente allungati, smussati e satinati a mano. Firma della Manifattura, il guillochage trova un nuovo modo di espressione sul movimento, rimpiazzando il tradizionale perlage. Messo a nudo, dal calibro spunta il fianco interno della carrure, sul quale si stacca, incisa a mano, l’ombra dei numeri romani del giro delle ore in vetro zaffiro

Classique Double Tourbillon Quai de l’Horloge

Ma il carattere di questo modello si esprime in tutta la sua dimensione sul fondocassa dell’orologio. Compiuta dalle sapienti mani degli artigiani della Maison, si staglia l’incisione dell’immagine della facciata dell’edificio che A.-L. Breguet occupò nel 1775 al 39 di Quai de l’Horloge a Parigi. Realizzato in oro, l’opera è stata eseguita con una tale precisione, che dai vetri delle finestre si possono intravedere i ruotismi del calibro

Classique Double Tourbillon Quai de l’Horloge

Il nuovo Classique Double Tourbillon Quai de l’Horloge ha saputo creare un universo complesso e armonioso, nel quale le leggi della fisica sembrerebbero superate. Come una scultura delicatamente cesellata, l’insieme del movimento messo a nudo gira su sé stesso con il ritmo di un giro ogni 12 ore. Il Calibro 588N è mosso da due tourbillon indipendenti, che a loro volta compiono un giro al minuto. Gli organi di regolazione, connessi, compiono così una doppia rotazione, trascinando nel loro corso la barretta dei tourbillon. Uno spettacolo sorprendente che attraverso mette in scena i componenti in oro, uguali a quelli delle Grandi Complicazioni

Classique Double Tourbillon Quai de l’Horloge

Gli organi regolatori di questo Double Tourbillon 5345 sono molto simili a quelli della creazione originale. Le spirali in acciaio sono dotate di una curva terminale caratteristica, la quale consente alla molla di allungarsi concentricamente. Questa ottimizzazione sviluppata dal Maestro ha da lui preso il nome di «curva Breguet». È lavorata completamente a mano ancora oggi, così come avvengono manualmente le differenti regolazioni, come quello di equilibrare le gabbie dei tourbillon. Questi costrutti sono, d’altra parte, gli unici della collezione corrente ad avere le armature in acciaio lucidato a specchio, il più alto grado della lucidatura nell’alta orologeria. 

Questi due cuori meccanici battono indipendentemente uno dall’altroognuno alimentato da un proprio bariletto. Ma i due organi oscillanti sono accoppiati a una seconda coppia di ruotismi, che terminano in un differenziale centrale. Questo meccanismo di doppia entrata è in grado di determinare la media di marcia dei tourbillon, consentendo il trascinamento dell’insieme della platina nella misura di un giro ogni 12 ore. L’indicazione dei minuti avviene tramite una lancetta classica al centro. L’insieme del dispositivo possiede un sistema di recupero per il gioco del ruotismo, che assicura la precisione perfetta dell’indicazione. 

Classique Double Tourbillon Quai de l’Horloge

La scenografia spettacolare fa di questo calibro uno dei più complessi che la Manifattura Breguet abbia mai sviluppato. La sua natura movimentata ha obbligato gli ingegneri a rivedere completamente il meccanismo di carica manuale con 50 ore di riserva di carica, i cui treni di ruotismo sono indipendenti. Uno dei due bariletti è oltretutto dotato di una flangia di frizione, simile a quelle usate sugli orologi automatici. Questa costruzione consente alla molla di disinnestarsi, una volta armata, fino alla rimonta completa del secondo. Infine la corona dispone di un sistema di sicurezza dinamometrico che impedisce la sovraccarica della molla

Il nuovo Breguet Classique Double Tourbillon Quai de l’Horloge si presenta con una cassa in platino da 46 mmabbinata ad un cinturino «Stone» – ardesia naturale – su caucciù, con chiusura boucle déployante con triplice lama in platino. (Prezzo CHF 628.000)