Vacheron Constantin: Traditionnelle Twin Beat Perpetual Calendar

Heritage
Montblanc: Heritage Collection
1 febbraio 2019
BI COMPASS
Bell&Ross: BR 03-92 BI-COMPASS
8 febbraio 2019

Vacheron Constantin: Traditionnelle Twin Beat Perpetual Calendar

Twin Beat

Vacheron Constantin presenta Traditionnelle Twin Beat Perpetual Calendar 42mm in platino, il primo orologio con due bariletti a frequenza diversa in grado di garantire una riserva di marcia di 65 giorni.

Twin Beat

Un pulsante a ore 8 permette di passare facilmente da una frequenza all’altra, a seconda del livello di attività. Quando l’orologio è al polso, l’utilizzatore lo potrà sfruttare al meglio impostando la modalità Active, che impiega un bilanciere a 5 Hz (36.000 alternanze/ora) e offre 4 giorni di riserva di carica. Se l’orologio non viene indossato, può essere impostato sulla modalità Standby attraverso un secondo bilanciere dalla frequenza ridotta a 1,2 Hz (8.640 alternanze/ora). Questo permette di estendere la riserva di carica ad almeno 65 giorni. Durante il funzionamento in modalità Standby, il Twin Beat può essere riportato alla modalità Active in qualsiasi momento e indossato immediatamente, con tutte le indicazioni di calendario perfettamente aggiornate.

Twin Beat

Il Vacheron Constantin Traditionnelle Twin Beat Perpetual Calendar utilizza un sistema meccanico in corso di brevetto che permette di passare istantaneamente dalla modalità Active alla modalità Standby senza che il movimento si arresti.

Questo meccanismo è ispirato al sistema stagionale del periodo Edo in Giappone, che divideva giorno e notte in sei segmenti la cui lunghezza variava dal giorno alla notte e da una stagione all’altra. Gli orologi di questo periodo erano dotati di un bilanciere “foliot” (a barra) singolo o doppio che permetteva dei cambi automatici della velocità di funzionamento.

Cruciale per il funzionamento del sistema Twin Beat è la modalità di selezione, che si basa sul principio del “tutto o niente” grazie al quale è possibile far oscillare solo un bilanciere per volta. La costruzione “tutto o niente” garantisce che il passaggio di modalità sia istantaneo, senza alcun intervallo. Questo fa sì che le operazioni di misurazione del tempo del calibro 3610 non subiscano mai interruzioni, nemmeno per una frazione di secondo, e che l’indicazione dell’ora resti sempre il più precisa possibile.

Twin Beat

Sia il bilanciere Active che lo Standby sono mossi dalla stessa molla del bariletto, che è il modo più efficace di distribuire l’energia e l’unico modo per avere una singola indicazione della riserva di carica.

L’altro aspetto dell’ottimizzazione del consumo di energia nel Twin Beat è la sua modalità Standby, che entra in gioco durante i lunghi periodi di inutilizzo, quando un bilanciere ad elevata frequenza non farebbe che scaricare la molla senza apportare alcun vantaggio.

Per sfruttare al meglio i vantaggi del sistema Twin Beat nel massimizzare il potenziale della riserva di carica, il meccanismo del calendario perpetuo è stato rielaborato per utilizzare meno energia possibile.

Twin Beat

Le indicazioni saltanti sono note per la loro influenza negativa sul bilanciere del movimento. L’energia necessaria per i salti interferisce con l’energia diretta al bilanciere, così che in molti casi il bilanciere perde ampiezza e tutta la cronometria del movimento risulta compromessa. Questo effetto può essere esasperato in un orologio con diverse indicazioni saltanti, come un segnatempo con calendario perpetuo.

Nel Traditionnelle Twin Beat Perpetual Calendar, Vacheron Constantin ha implementato indicazioni saltanti istantanee per data, mese e anno bisestile. Al contempo il meccanismo saltante è stato completamente riprogettato, utilizzando un sistema composto con molla a doppia velocità che richiede un quarto della coppia necessaria per un’indicazione saltante tradizionale. Grazie a questa miglioria, anche alla mezzanotte dell’Anno Nuovo, quando tutte e tre le indicazioni saltano istantaneamente, l’effetto sull’ampiezza del bilanciere Active è trascurabile.

Twin Beat

Con il Traditionnelle Twin Beat Perpetual Calendar, Vacheron Constantin è andata per la prima volta oltre la gamma convenzionale di frequenze di oscillazione. Per farlo all’interno della Manifattura sono state create nuove aree di ricerca e sviluppo sui principi fondamentali della regolazione meccanica della misurazione del tempo. Di conseguenza, una nuova molla a spirale è stata appositamente creata per rispondere alle necessità del bilanciere Standby (1,2 Hz, 8.640 alternanze/ora), con dimensioni della sezione di 0,0774 mm per 0,0159 mm, comparabile ai capelli umani più sottili. La molla a spirale del bilanciere Standby ha una sezione pari a un quarto della molla a spirale del bilanciere Active (5 Hz, 36.000 alternanze/ora) ed è infinitamente più delicata.

L’indicazione delle ore e dei minuti potrebbe forse sembrare la parte meno complicata del Twin Beat, tuttavia essa è tutt’altro che semplice o convenzionale. Infatti il calibro 3610 ha due ruote del bilanciere – che oscillano una alla volta – e le lancette delle ore e dei minuti devono ricavare informazioni variabili da due ruotismi per una singola lettura del tempo. Questa sfida è vinta grazie ad un differenziale che permette alla lancette di leggere più di una fonte di dati per la misurazione del tempo.

Un secondo differenziale è montato sul bariletto col doppio scopo di caricare la molla e ridurre la coppia della molla quando è diretta verso il bilanciere in modalità Standby (armato con una spirale creata appositamente per il bilanciere a frequenza lenta). Infine due differenziali traspongono la riserva di carica sul contatore che indica la carica restante nella molla.

Nonostante questo, il calibro 3610 misura solo 6 mm di spessore e 32 mm di diametro.

Twin Beat

Il Traditionnelle Twin Beat Perpetual Calendar sposa un’interpretazione estetica moderna di tecniche di finitura antiche. Le platine e i ponti del movimento sono decorati con Côtes de Genève e poi trattati con NAC, un rivestimento scuro che garantisce elevata resistenza e durata.

Sul quadrante, l’arte delle finiture guilloché e satinate si traduce in un guillochage radiale su superfici sabbiate. Al fine di ottenere l’unione perfetta fra tradizione e modernità, il quadrante è costituito da due segmenti principali grazie a un processo multi-fase. Un segmento del quadrante dorato è decorato con guillochage realizzato a mano ed è poi inserito in un segmento esterno in vetro zaffiro. Gli indici delle ore in oro sono poi applicati nel segmento di quadrante in cristallo zaffiro, che è ulteriormente inciso al laser e riempito d’inchiostro. (Prezzo €.210.000)

FacebookTwitterPinterestTumblr